sign

sign

domenica 24 giugno 2018

S'LON LIFE SMASHER (snakeman)

Spesso nei mie post ho lodato la grande creativita' che  illuminava la Games workshop e la Citadel in quei anni magici, creando dei modelli veramente unici e che giustamente sono rimasti nel cuore di ogni appassionato e quello che vi presento oggi è proprio uno di questi casi: nella meta' degli anni 80 tirarono fuori una linea di cinque uomini serpenti, tutti scolpiti in maniera superba da Charles Elliot.
Nello specifico quello che ho dipinto si chiama S'lon Life Smasher: un modello eccezionale, dalla posa d'attacco, i numerosi dettagli, una miniatura che trasmette tutta la malvagita' di questi serpenti antropomorfi (e se come me siete fan dei libri di R.H. Howard, vi verranno subito in mente i letali nemici di Kull di Valusia).
Rimane il rimpianto che  non siano stati sviluppati di piu' (immaginate un loro esercito?) e che edizione dopo edizione siano letteralmente scomparsi dal mondo di Warhammer.
Per la colorazione mi sono andato a vedere un po' di foto di serpenti e alla fine ho optato per quello corallo (famoso per essere uno di quelli piu' letali) percui per la pelle ho scelto l'alternanza di rosso, nero e una striscia di giallo.
Invece per le parti in armatura, a parte quelle metallizzate tipo la  cotta di maglia, sono partito da un verde scuro e schiarito per dare l'idea di qualche materiale antico e di qualcosa di usurato e ho concluso con alcuni dettagli come la pelliccia e lo scudo con tanto di inquietante teschio.
Per la basetta ho immaginato che questi esseri prediligessero vecchi edifici abbandonati, nascosti  tra le rovine pronti a colpire percui sono partito da un pavimento rovinato e ho applicato erbette e cespugli dando il senso di abbandonato con tanto di cranio ingiallito.
Una pittura che mi ha soddisfatto tantissimo e che mi ha particolarmente ispirato, con la speranza di poter recuperare qualcun altro di questi inquietanti uomini serpenti.








domenica 10 giugno 2018

DUNGEONQUEST: VOLRIK THE BRAVE

Dalla scatola base del mitico Dungeonquest questa volta vi presento un nuovo personaggio: dopo Sir Rohan e Ulv Grimhand è il turno di questo classico avventuriero  chiamato Volrik the brave.
Per la colorazione ho preso vagamente spunto dalla scheda del personaggio, un po' perchè il disegno differisce in alcuni punti dalla miniatura e un po' per mio gusto personale.
La colorazione è abbastanza classica: la casacca rossa con dettagli gialli, i pantaloni blu, camicia bianco sporco e  stivali marroni con una fantasia a righe nel risvolto.
La basetta al solito si rifa' alle tesserine dl gioco, con il terreno  giallognolo e con  vari detriti.
E così anche il terzo avventuriero è pronto per affrontare la fortezza del drago con i suoi preziosi tesori e con i suoi mortali pericoli.






domenica 3 giugno 2018

WYRDE BANEBREATH (skaven)

Stavolta vi presento nuovo modello di Skaven (o piu' precisamente Ratmen come scritto sulla slotta) chiamato Wyrde Banebreath.
Tanto per cambiare il lavoro di scultura è  strepitoso (a cura di Jes Goodwin), con un modello che si discosta dal classico guerriero ma che risulta ugualmente affascinante (per modo dire) tra la posa, i dettagli (in particolare il muso sfigurato e  le pustole diffuse sul corpo) e i vari accessori.
Partendo dalla classica pelliccia color marrone scuro, sono passato alla tunica con un rosso bruciato schiarito successivamente, per i bubboni ho scelto un giallo chiaro per farle risaltare di piu', per la parte del volto con le escrescenze ho usato  del marrone chiaro, schiarito e ultimato con un lavaggio rosso mentre per la pergamena  ho scelto un color carne per dare l'idea che sia stato fatta con della pelle umana (e naturalmente le scritte in rosso perche' è stato usato del sangue).
In definitiva un grandioso modello che mi sono molto  divertito a dipingere, soprattutto per le parti "malaticce".






domenica 27 maggio 2018

ORC SHAMAN

Questa volta vi presento un modello di orco e nello specifico uno sciamano, scolpito magnificamente  dalla mano di Kevin Adams (guardate solo l'espressione del viso), ricco di dettagli e particolari (le tre teste che emergono da  sotto il vestito) e devo ammettere che visto la quantita' di particolari anche piccoli è stata una bella sfida dipingerlo (ma sempre piacevole).
Sono partito dalla pelle con il solito verde oliva che uso di solito per i pelleverde, mescolato con giallo e bianco e visto che si parla della razza di orchi selvaggi ho cercato di dare un tocco colorato percui per le vesti ho scelto un giallo per la parte superiore del cappuccio mentre un blu per il mantello e per i vari bracciali sempre colori accesi come rosso e giallo.
Per le parti di pelliccia e cinghie varie i classici marrone/cuoio e per concludere una basetta ricca di funghi e funghetti (essendo uno sciamano li utilizzera' per qualche rito?).
Un pittura  impegnativa ma che mi ha dato parecchie soddisfazioni una volta completata e che fa apprezzare ancora di piu' l' eccellente lavoro di scultura che è presente in questi vecchi modelli.







domenica 20 maggio 2018

RUTTROT ( beastman)

Questa volta è il turno di un altro uomo bestia e tocca ad un certo Ruttrop, un uomo cinghiale armato e corazzato di tutto punto.
Nonostante non sia uno dei modelli piu' famosi di questa razza devo dire che come al solito la qualita' della scultura è ottima, per non parlare dei numerosi dettagli che alzano il livello del modello: la curiosa arma, la testa mozzata che pende dalla cintura, il pezzo di armatura a scaglie sul gomito.
Sono partito dalla pelliccia con un marrone scuro schiarendolo via via con del giallo e del bianco, del blu grigio e del rosso per le parti di armatura (a parte la gomitiera che l'ho fatta verde come fosse una corazza di qualche rettile), mentre alcune parti l'ho colorate con l'argento metallizzato.
Ho pitturato alcune parti del corpo usando il colore carne, proprio per accentuare di piu l'idea della creatura meta' uomo meta' animale e infine ho ultimato con uno scudo (al solito riciclato da vecchi pezzi) e la basetta con spuntoni e funghi viola.
Un' ottima miniatura che esprime tutto il fascino di queste inquietanti creature.








domenica 6 maggio 2018

SITHAN SHARPSWORD (chaos dwarf)

Torniamo ad una delle mie passioni ovvero gli affascinanti  nani del caos degni di un freaks show e questa volta tocca a un certo Shitan Sharpsword.
Come la solito l' abilita'  dello scultore (in questo caso i fratelli Perry) ha donato al modello un look inquietante e grottesco nonostante non ci siano particolari deformita' a parte i tre corni che spuntano dalla testa.
Sono partiti dalla barba con un marrone chiaro, mescolandolo con del giallo e del bianco e schiarendolo  sempre di piu, del blu grigio per alcuni particolari presenti (bracciali, cintura) e  del marrone scuro per il gonnellino.
Inoltre per dargli un tocco di "strano"  ho scelto di dipingere la pelle con una tonalita' un po' scura e violacea e ho concluso con due occhi bianchi per fare risaltare ancora di piu' questa sua espressione spiritata.
Colorare questa miniatura è stato un piacere unico:  come dicevo il modello avra' avuto pochi particolari, ma come molte  vecchie miniature sprigiona ancora tutto il suo irresistibile fascino.







domenica 29 aprile 2018

MANIC HOBGOBLIN HERO (monsters starter set)

Questa volta  ritorniamo dall'affascinante scatola del Monsters starter set  ed è il turno dell' Hobgoblin.
Al solito la scultura non risente del passare degli anni, ma rimane un piccolo gioiellino a partire dell'armatura ispirata a quelle giapponesi (cosa tipica di quegli anni per questa razza), ma anche la posa, l'espressione del viso, i vari dettagli che hanno reso molto divertente la pittura ma al tempo stesso abbastanza impegnativa.
Per prima cosa sono partito dalla corazza: quella sul corpo a scaglie l' ho colorata con un grigio scuro, via via schiarito, mentre per lo spallaccio e l'elmo  un rosso schiarito con del giallo.
Per i dettagli ho optato per i soliti tocchi di colori tipo i calzoni bianchi, del marrone chiaro per i capelli, un blu per l'elsa, il verde per il pennacchio dell'elmo e del giallo scuro per la pelle (come avevo già utilizzato per altri hobgoblin precedenti).
Per concludere lo scudo (che come per alcuni vecchi modelli è gia' unito alla miniatura) che riprende i colori dell'armatura.
Un modello molto bello, che mi ha dato parecchia soddisfazione nel completarlo e che va ad affiancare il Lesser Goblin dello stesso set che avevo dipinto tempo fa.